La Festa ‘Aid

basmala-graziosa

In Nome di Dio, Misericordioso (Ar-Rahmàn) e Clementissimo (Ar-Rahìm)

E la Benedizione e la Pace di Allàh siano sul nostro Profeta sayydinà Muhammad, il veridico (siddiq), il nostro migliore esempio, inviato come misericordia (rahma) per tutto il Creato, il sigillo (al khàtim) dei Profeti, e sulla sua Famiglia e sui suoi Compagni

Assalamu ‘alaykum wa rahmatullahi wa barakatuhu

Che la Pace, la Misericordia e la Benedizione di Dio sia su tutti voi.

images-3

LA FESTA ‘AID

Perché in lingua araba la Festa si chiama «‘Aid»?

Perché essa è una «Festa ricorrente», «che ritorna» ogni anno, e in arabo la parola «ritorno» è «‘awda».

l’Aid è un giorno di Festa, nel quale la gente è allegra, felice, e non arrabbiata, o infelice.

E’ un giorno di riposo spirituale per l‘uomo.

E’ proibito fare digiuno in questo Giorno, perché è un Giorno di Festa dove si mangia, si beve, si parla con i fratelli e le sorelle in Allàh, e si sta’ fraternamente in loro compagnia.

La Festa dura tre giorni, nei quali non si digiuna, e sono tre giorni di Festa speciali.

Awda è un ritorno, ritorno di una festa.

Nel Ritorno al-‘awda (ad una cosa lecita, buona e utile): ci sono cose positive e felicità. Esempio:

L’uomo virtuoso (salih), può momentaneamente sviare dalla Retta Via (as-siràt al-mustaqim), ma con il pentimento (tawba) ritorna nella Retta Via.

L’Aid è una bella Festa, che ritorna ogni anno, e che porta cose positive e felicità.

La visita ai propri parenti lontani, nelle vacanze estive, è un ritorno a stare con loro, che ci rende felici.

Nell’abbandono al-taraja’ (di una cosa lecita, buona e utile): ci sono invece cose negative e infelicità.

Il valore del «sacrificio» al-fadhiyya, componente necessaria per avere successo in qualche cosa di utile che si intraprende e che si inizia a fare.

Questi alcuni punti emersi su cui riflettere, contenuti nel sacrificio (al-fadhiyya):

  • Al-ibtilàl: Allàh mette l’uomo alla prova, in questa vita, per verificare la sua fede, per cancellargli dei peccati, e per innalzarlo spiritualmente di grado.
  • As-sabr: la pazienza e la costanza, per sostenere le prove e per continuare un percorso intrapreso verso il Bene.
  • Al-iradàt: la Volontà. Senza la volontà non si fa nulla.
  • Al-‘atà’: il donare agli altri. Vedi l’esempio del Profeta Abramo che ha donato suo figlio a Dio, a seguito di una Sua richiesta. L’Inviato di Allàh (sas) ha detto che «fare entrare la gioia nel cuore di un fratello vale più di un mese in Moschea».
  • Al-imtilùl: seguire gli ordini di Dio. Quando c’è l’adhàn della preghiera, si va a farla, quando c’è il mese di Ramadan si digiuna etc.
  • Al-tahdì, il grande sforzo, la sfida, per raggiungere un risultato, una meta.

Queste attitudini interiori sono necessarie e sono da sviluppare da coloro che desiderano  arrivare al successo spirituale.

La Necessità della ricerca della scienza (‘ilm)

Uno degli ordini di Allàh, se non il primo, che ha dato all’uomo è la ricerca della Scienza ‘Ilm, le prime parole rivelate da Dio al Profeta Muhammad (sallà Allàhu ‘alayhi wa sallam) sono state: «Iqrà! bismirabbika alladhì khalaq» «Leggi! in nome del tuo Signore che ha creato.»[2]

cor-96-1

Perciò il ricercare la Scienza religiosa, il sacrificare del nostro tempo per studiare l’Islam, la Religione di Dio (Ad-Dìn Allàh) è rispondere a questo ordine divino, e questo comporta da parte nostra un sacrificio, un impegno, molta pazienza e costanza, ma la ricompensa per questi sforzi è enorme, sia in questa vita (dunyà) che nell’Altra vita (akhira).

Inoltre è molto importante comprendere che la questione dello studio della scienza (‘ilm) non riguarda tanto, il riferirci o meno ai Sapienti per il nostro Din (Religione), ma piuttosto il riferieci “a quali” Sapienti, in accordo con le Parole di Allah riportate nella Sura al-Nahl:

Chiedete alle Genti del Ricordo, se non sapete” (Corano 16:43)

L’Inviato di Allàh (sallà Allàhu ‘alayhi wa sallàm) ha detto inoltre: «Non seguite le cose di questo basso mondo (dunyà), ma ricercate piuttosto i beni dell’Altra vita (akhira)» (hadìth).

E ha detto ancora: «Per Dio: se qualcuno di voi vuole conoscere il rapporto esistente tra la vita terrena di questo basso mondo (dunyà) e l’Altra vita (akhira), immerga un dito nel mare, [quindi lo tolga], e guardi quanto ne riporta» (hadith).

Dice Allàh l’Altissimo, sia gloria a Lui:

«Chi desidera la vita fuggente (al-‘àjilat), [sappia che] Noi ci affrettiamo a dare ciò che vogliamo di essa a chi Noi vogliamo, dopo di che brucerà nella Gehenna (Inferno), umiliato e respinto. Chi invece desidera l’Altra vita (akhira) e con sforzo ne percorre il cammino, da credente (mu’mìn), ebbene, lo sforzo di costoro viene accettato con gratitudine.»[3]

cor-17-18cor-17-19

E dice ancora Allàh:

«Ma  voi piuttosto amate l’effimero (al-‘àjilat) [di questa vita terrena], e trascurate l’Altra vita (akhira).»[4]

cor-75-20

cor-75-21

E ricorda ancora Allàh:

«Ma voi preferite la vita terrena (dunyà), mentre è l’Altra vita (akhira) ad essere migliore e più duratura.»[5]

cor-87-17cor-87-16

E Allàh è il più Sapiente (wa Allahu ‘Alìm)

«Subhàna-ka Allàhumma wa bi-hamdi-ka, ashhadu an là ilàha illà Anta, astaghfiru-ka wa atùbu ilay-ka».

«O Allàh gloria a Te e con la Tua Lode, testimonio che non c’è divinità all’infuori di Te, chiedo il Tuo perdono e a Te mi pento».

Note

[1] Hadith riferito da al-Bukhari e Muslim (riportato nei 40 Hadith di Nawawi – hadith nr.3).

[2] Corano Sura Al-Alaq 96:1.

[3] Corano Sura Al-Isrà 17:18-19.

[4] Corano Sura Al-Qiyàma 75:20-21.

[5] Corano Sura Al-’Alà 87:16-17.

assalamu ‘alaykum

Rosa images2

Questa voce è stata pubblicata in 4° CORSO- "I Pilastri dell'Islam" (Al Arkàn al Islàm) (2013). Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...